News & Eventi

Responsabilità civile dei magistrati: il mancato esperimento degli ordinari mezzi di impugnazione preclude l’azione risarcitoria

Matrimonio: il coniuge divorziato che crea una famiglia di fatto perde l’assegno divorzile

Cerca

Messaggio allo Studio

Copyright © 2015 Studio Legale Papa. Tutti i diritti riservati.

Logistica e Trasporti

Logistica e Trasporti

Con il termine trasporti si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro. Il vocabolo deriva dal latino trans, che significa attraverso, eportare.Il settore dei trasporti presenta diversi aspetti: indicativamente può essere diviso nelle tre branche infrastrutture, veicoli, gestione.

  • Le infrastrutture comprendono tutta la rete di trasporto (strade, autostrade, ferrovie, canali, condotte, etc.), ed anche i nodi e i terminali (quali ad esempio aeroporti, stazioni ferroviarie, interporti, fermate d'autobus e porti). Generalmente, il progetto della rete è di competenza dell'ingegneria dei trasporti, dell'ingegneria civile e dell'urbanistica.

  • I veicoli quali gli autoveicoli, i motoveicoli e i treni, che viaggiano generalmente su una rete specificatamente a loro designata, gli aerei e le naviche seguono rotte aeree e rotte navali. Il progetto dei veicoli coinvolge l'ingegneria meccanica con le sue specializzazioni: ingegneria nautica,ingegneria aerospaziale e ingegneria ferroviaria.

  • La gestione, di competenza dell'ingegneria dei trasporti e dell'ingegneria dei sistemi è finalizzata alla ricerca del miglior funzionamento dell'interosistema trasporti e dei suoi componenti, attraverso gli studi su controllo e sicurezza (segnali stradali, scambi ferroviari, controlli dei voli) nonché alla ricerca della miglior politica di autofinanziamento, tramite ad esempio pedaggi autostradali o tasse sui carburanti.

  • La logistica è, secondo la definizione data dall'Associazione Italiana di Logistica (AILOG) e Supply Chain Management, "l'insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell'azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni dalle origini presso i fornitori fino alla consegna dei prodotti finiti ai clienti e al servizio post-vendita".

Una definizione più estesa è data dalla National Council of Phisical Distribution Management: "La logistica è l'efficiente trasferimento dei prodotti finiti, a partire dall'uscita delle linee di produzione fino al consumatore finale e, in certi casi, comprende il trasferimento delle materie prime dalle fonti di approvvigionamento all'ingresso delle linee di produzione. Queste attività comprendono il trasporto, il magazzinaggio, la movimentazione dei materiali, l'imballaggio di protezione, la gestione delle scorte, l'ubicazione dei fabbricati e dei depositi, la gestione degli ordini, le previsioni di marketing e l'assistenza alla clientela"

Il termine logistica è generalmente accompagnato dalla specificazione dell'ambito applicativo (ad esempio logistica industriale), anche se secondo la teoria economica moderna non è più accettabile un'osservazione della filiera organizzativa per compartimenti stagni, ma anzi bisogna provvedere ad una integrazione delle parti della stessa.

La filiera organizzativa (o supply chain) a sua volta è definibile come l'insieme delle diverse attività, e dei legami fra di esse, di approvvigionamento delle materie prime, di trasformazione in prodotti finiti e di distribuzione ai clienti, oltre che delle infrastrutture necessarie all'esecuzione di tali attività.

L'organizzazione logistica delle imprese è in continua evoluzione, in relazione a quelli che sono gli impulsi del mercato e alla nuove configurazioni nate dalle ricerche teoriche. Negli anni '60 l'accezione di logistica era limitata alla distribuzione del prodotto finito (la cosiddetta logistica di distribuzione), e quindi il focus delle aziende era posto sulle attività di relazione con i venditori al dettaglio.
Successivamente si è passati ad un'attenzione particolare alla filiera interna, per ridurre le inefficienze presenti nelle relazioni intraziendali (si parla allora di logistica interna o Programmazione della produzione).

Infine, e questa è la configurazione attuale, l'attenzione si è posta a tutto il ciclo di vita del prodotto, cioè come già detto, dall'estrazione delle materie prime al servizio post-vendita. Questo è quello che in economia viene chiamato Supply chain management.

Il mercato attuale è caratterizzato da una serie di parametri:

  • Elevata concorrenza

  • Ciclo di vita dei prodotti sempre più breve

  • Complessità dei prodotti

  • Lead-Time concesso dal cliente al fornitore sempre più stretto

  • Erosione dei margini di profitto

  • Crescita delle aspettative della clientela nei riguardi del "Livello di servizio"

 

e l'obiettivo aziendale è principalmente quello di soddisfare-mantenere-fidelizzare il cliente. Il raggiungimento di tale obiettivo passa in particolar modo per le funzioni aziendali Marketing e Innovazione. Per i motivi prima citati, a queste si aggiunge la funzione di Servizio/Logistica che andiamo di seguito a definire.

Il servizio al cliente è composto da:

  1. Rapidità (ovvero velocità delle attività logistiche: tempi di consegna, tempi di evasione dell'ordine)

  2. Disponibilità (intesa come qualità e quantità dei prodotti in stock)

  3. Regolarità (affidabilità delle consegne, evasioni complete degli ordini)

  4. Flessibilità

 

Ovviamente più servizi logistici offre un'azienda più si accresceranno i costi da sostenere (la relazione servizi-costi non è lineare, per alti livelli di servizio i costi si impennano) e quindi ogni impresa dovrà trovare un trade-off soddisfacente. Si definiscono Imprese Logistic Oriented quelle imprese che riescono ad offrire un alto livello di servizio, mantenendo costi contenuti. Attualmente esistono aziende che svolgono servizi logistici per conto di altre aziende: ciò comporta una riduzione dei costi da parte dell'azienda che si svincola da tali attività ma parallelamente un minor controllo e una minor possibilità di gestione di queste funzioni.

La rapida evoluzione della logistica ha portato alla nascita dei concetti di Facility Management (per una migliore gestione delle attività non direttamente collegate al core business di un' azienda) e dell' e-Logistics (integrazione e rafforzamento dei servizi logistici tramite i sistemi informativi).

La grande vastità e complessità delle discipline legate alla logistica ha fatto nascere dei corsi universitari specifici: in particolare, l'Ingegneria logistica e della produzione.